index_r2_c1 index_r2_c2
Homepage
Biografia
Bibliografia
Traduzioni all'estero
Attivitą adulti
Attivitą ragazzi
Calendario
Link
Contatti
Credits
Bibliografia  »  Adulti  »  Traduzioni poesia  »  Scheda dell'Opera: PARADISO PERDUTO (John Milton)


PARADISO PERDUTO (John Milton)  Bompiani 2009

A cura di Fabio Cicero
Traduzione di Roberto Piumini

Testo inglese a fronte

“E di chi è la colpa?
Di chi se non di lui che da me ebbe,
ingrato, tutto quello che poteva:
lo feci giusto e retto, ed abbastanza
forte per non cadere, benché libero.”

Scritto in un periodo di profonda crisi personale e politica dell’autore, Paradise Lost è il più grande poema epico della letteratura inglese. L’opera ha avuto un’enorme influenza sui Romantici inglesi e, attraverso questi, sulla poesia moderna. Il tema principale del poema riguarda la caduta dell’uomo dal suo stato originario di grazia, e lascia già intravedere le condizioni che gli permetteranno, grazie all’intervento divino, di recuperare tale stato. Ma la forte personalità di Milton ha saputo disegnare dei personaggi originali che riflettono la tensione del suo autore, uno spirito libero che in qualche caso non riesce, e non vuole evitare il conflitto con l’ortodossia cristiana. Personaggi quali Dio, Satana, Eva hanno fatto e fanno ancora discutere molti critici, dando adito a ciò che lo stesso Milton ha sempre perseguito con estremo rigore e accesa passione: la ricerca instancabile della verità nel messaggio cristiano.

Il testo originale a fronte si basa sull’edizione di Barbara K. Lewalski, Paradise Lost, Oxford, Blackwell, 2007, che riproduce fedelmente la versione finale del 1674.


Acquista online: http://libreriarizzoli.corriere.it/libro/milton_john-il_paradiso_perduto_testo_inglese_a_fronte_.aspx?ean=9788845263576&utm_source=RCSLibri&utm_medium=RCSLibri&utm_campaign=RCSLIbri
PARADISO PERDUTO (John Milton)image
imageimage



 
©2022 Roberto Piumini - site by Antherica Web Solutions